FATCA - AEOI

FATCA - AEOI

Foreign Account Tax Compliance Act

FATCA è una normativa statunitense il cui obiettivo è combattere l'evasione fiscale dei contribuenti americani.

Al fine di agevolare l’implementazione di FATCA un elevato numero di paesi, inclusa l’Italia, ha sottoscritto accordi intergovernativi con gli Stati Uniti.

Tali paesi stanno recependo nei loro ordinamenti nazionali gli obblighi di reporting fiscale in ambito FATCA.

L’Italia ha emanato la Legge 18 giugno 2015, n. 95 di ratifica dell’Accordo tra il Governo della Repubblica Italiana e il Governo degli Stati Uniti d'America del 10 gennaio 2014, finalizzato a migliorare la compliance fiscale internazionale e ad applicare la normativa FATCA, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 155 del 7 luglio 2015.
La seguente mappa delle intese elenca i paesi che hanno firmato, sono in attesa di firmare oppure non hanno firmato l'accordo bilaterale:

La mappa delle intese
(Fonte: Il sole 24 ore - in data 20.07.2014)

CRS (Common Reporting Standard)

Nell'ambito delle recenti iniziative internazionali di cooperazione nella lotta all'evasione fiscale, l'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha predisposto uno standard globale per lo scambio automatico di informazioni tra paesi (Automatic Exchange Of Information - AEOI) basato sul modello introdotto dagli accordi intergovernativi  stipulati da diversi Paesi con gli Stati Uniti in relazione alla normativa FATCA.

Lo standard OCSE, definito Common Reporting Standard (CRS), prevede, al pari di FATCA, lo scambio automatico annuale tra Autorità Fiscali di informazioni fornite dalle Istituzioni Finanziarie di ciascun Paese. L'impatto del CRS è esteso a numerosi paesi e più di 90 i paesi si sono già formalmente impegnati ad implementare il sistema di scambio automatico delle informazioni in relazione ai clienti persone fisiche ed entità fiscalmente residenti all'estero.

FATCA E CRS IN BANCA POPOLARE · VOLKSBANK

In Italia, gli obblighi che le Istituzioni Finanziarie devono rispettare sono stabiliti dalla legge 18 giugno 2015, n. 95 e dai relativi Decreti di Attuazione emanati dal Ministro dell’Economia e delle Finanze rispettivamente il 6 agosto 2015 (FATCA) e il 28 dicembre 2015 (CRS), pubblicati in Gazzetta Ufficiale n. 187 del 13 agosto 2015 e n. 303 del 31.12.2015. Conseguentemente, dal 1° gennaio 2016:
  • Banca Popolare · Volksbank identifica  i nuovi clienti, persone fisiche e soggetti diversi dalle persone fisiche (entità) che aprono rapporti rilevanti (financial account , in cui rientrano varie tipologie di “conti”) con l’obiettivo di identificare i soggetti fiscalmente residenti all’estero, mediante procedure e processi di accettazione della clientela e apertura dei rapporti. Alla nuova clientela, che sarà censita sulla base delle attuali normative antiriciclaggio di adeguata verifica, sarà inoltre richiesta un’autocertificazione di residenza fiscale. Le eventuali variazioni dello status di residenza fiscale del cliente saranno oggetto di una periodica verifica.
  • Banca Popolare · Volksbank attiva specifiche attività di adeguata verifica (“due diligence”) in relazione ai clienti preesistenti alla data del 31 dicembre 2015, al fine di individuare eventuali soggetti fiscalmente residenti all’estero; a seguito della rilevazione di indicia, il cliente sarà contattato per confermare o confutare la rilevazione dell’indicia e dichiarare la propria residenza fiscale;
  • Banca Popolare · Volksbank invia all'Agenzia delle Entrate, a partire dal 2017, un flusso di segnalazione contenente dati anagrafici e patrimoniali dei propri clienti fiscalmente residenti all’estero, in base a regole, contenuti e formato che saranno disposti tempo per tempo dall'autorità fiscale italiana.

Elenco dei Paesi aderenti al CRS

Paesi che hanno già sottoscritto il CRS - Multilateral competent authority agreement:
Albania, Anguilla , Argentina, Aruba, Austria, Belgio, Bermuda, Cayman, Colombia, Corea, Croazia, Curacao, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gibilterra, Grecia, Guernsey ,Islanda, Irlanda, Isola di Man, Isole Faroe, Isole Vergini Britanniche, Italia, Jersey, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Mauritius, Messico, Montserrat, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, San Marino, Slovacchia, Slovenia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Svizzera, Turks e Caicos, Ungheria.

Paesi che entreranno dal 2017:
Barbados, Cile, Dominica, India, Niue, Seychelles, Uruguay, Trinidad e Tobago.

Paesi che entreranno dal 2018:
Andorra, Arabia Saudita, Australia, Bahamas, Belize, Brasile, Brunei, Canada, Cina, Costa Rica, Dar es Salaam, Grenada, Emirati Arabi, Hong Kong, Indonesia, Israele, Giappone, Isole Marshall, Macao, Malesia, Monaco, Nuova Zelanda, Qatar, Russia, Saint Kitts e Nevis, Santa Lucia, Saint Vincent e Grenadines, Samoa, Singapore, Sint Maarten, Turchia.
(Situazione ad aprile 2016)
 
FATCA - AEOI
© Banca Popolare dell'Alto Adige Spa - Tutti i diritti riservati - Part.Iva / Cod. Fiscale 00129730214